Via Gaetano Salvemini, 2/2
50018 Scandicci FI
LA NOSTRA PARROCCHIA
di Giovanni Spinelli, 22-12-2021
Pastorale
  0     0

PASTORALE GIOVANILE

La Pastorale Giovanile propone incontri ed esperienze di approfondimento per i giovani sopra i diciotto anni. Durante l’anno vengono organizzate esperienze presso luoghi significativi come santuari, monasteri, missioni di carità verso i più bisognosi e di riflessione incontri nei locali della Parrocchia o all’interno del Centro Giovanile Sant’Anna. Infine, il momento più significativo è quello del pellegrinaggio estivo, che si svolge in Agosto, e che offre una possibilità concreta di incontro di Gesù e di discernimento vocazionale a tutti i ragazzi che lo desiderano. 

BAMBINI

Per accompagnare i genitori nel desiderio di trasmettere la fede ai propri figli, presso la nostra Parrocchia l’itinerario di iniziazione cristiana dei fanciulli si articola in sei anni a partire da quando i bambini frequentano la seconda elementare.

La prima tappa di questo itinerario culmina, al termine del terzo anno con la Prima Comunione, mentre alla fine del sesto i ragazzi ricevono il Sacramento della Confermazione. All’inizio di ogni anno viene stabilito un programma di massima che indica quali sono le “tappe” e la “meta” da raggiungere. Comunque ai Catechisti (che abitualmente si ritrovano tra di loro per preparare gli incontri di catechismo) viene data libertà di affrontare il programma nel modo che ritengono più adatto (leggendo il libretto, dialogando, facendo cartelloni, disegni, giochi etc.). Gli incontri vengono preparati dai catechisti di ciascun anno insieme ai propri responsabili, designati e seguiti dal Parroco, così da ottenere una sempre maggiore comunione, sostegno fraterno, confronto con la quotidianità della vita e condivisione di iniziative. 

Attenzione viene rivolta ai rapporti con i genitori sia da parte dei singoli catechisti che da parte dei responsabili.

Durante il percorso di ogni anno molti sono i momenti significativi che vedono interessati i bambini e ragazzi e i genitori (ad esempio la Consegna del Padre Nostro e del Vangelo durante l’Eucarestia domenicale, Celebrazione della Parola, Consegna della Bibbia, visita ai Presepi in Avvento, etc.). In ogni anno poi si organizzano pellegrinaggi e gite aperti ai familiari, per poter vivere insieme momenti di riflessione, preghiera e condivisione nella gioia. Inoltre durante le vacanze estive, i bambini che hanno frequentato la 3^ e 4^ elementare per due settimane si ritrovano in Parrocchia per giocare e vivere l’esperienza dell’ “ESTATE INSIEME”, mentre per i ragazzi viene organizzato un Campo Scuola con alcuni dei loro Catechisti. 

POST CRESIMA

L’esperienza del PostCresima si basa su alcune intuizioni che Kiko Argüello ha avuto per l’educazione alla fede, dei ragazzi che vivono il passaggio dall’adolescenza alla giovinezza e interessa l’età compresa fra i dodici-tredici e i diciotto-diciannove anni, ovvero un percorso di sei anni. Lo scopo di tale servizio è quello di creare un supporto, un ambiente sano per i ragazzi che vivono quest’età così delicata caratterizzata da grandi metamorfosi (fisiche, psichiche, affettive) in un tempo relativamente breve, durante la quale si allarga l’orizzonte delle loro relazioni sociali, (ingresso nella scuola superiore, maggior indipendenza dalla famiglia, nuove amicizie, ecc.), con una frequente contrapposizione alle figure genitoriali. Questo sviluppo sfocia nella ricerca di amicizie e di punti di riferimento nuovi rispetto ai precedenti, soprattutto rispetto alla famiglia di origine; ecco che la presenza di una famiglia di padrini che funga da ”ammortizzatore” cooperando all’opera educativa dei genitori risulta di grande efficacia.

Gli elementi fondanti del PostCresima sono: 

Le famiglie dei Padrini

Si dà come primo riferimento per i giovani la famiglia (e non catechisti celibi o nubili), perché sia segno efficace di unità, fedeltà e fecondità i cui componenti fungano come da padrini dei ragazzi. 

I presbiteri

Altro punto di riferimento che in comunione con il parroco, i loro catechisti e con queste famiglie possano testimoniare la serenità e la gioia che l’obbedienza alla chiamata del Signore può donare e ad immagine del Buon Pastore offrano i sacramenti della misericordia e del Corpo e Sangue di Cristo presiedendo l’assemblea liturgica e spezzando il Pane della Parola. 

Il piccolo gruppo

Ogni coppia di padrini inizia questa esperienza con un gruppo di 8 ragazzi/e al massimo; ciò consente in ogni incontro una maggiore attenzione alla singola persona e favorisce l’apertura e la sincerità di ognuno.

 La casa dei padrini

Tre incontri su quattro avvengono a casa della coppia di padrini; quest’ambiente familiare è un segno d’accoglienza particolarmente gradito ed efficace.

 La Bibbia, il “Catechismo della Chiesa Cattolica” con il suo “Compendio”

Sono i testi base di riferimento per i contenuti della catechesi e la preparazione degli stessi padrini.

 

PASTORALE FAMILIARE

 

CATECHESI PERMANENTE

Viene cosi denominata un serie di incontri (circa 10) da ottobre a maggio che pongono a base della riflessione

comunitaria il testo proposto dalla diocesi sulla Sacra Scrittura (alternando libri del Nuovo e Vecchio testamento)

Gli incontri avvengono sia nelle case (come proposto dal Sinodo Diocesano del 1996) che in Parrocchia

con cadenza quindicinale e generalmente il venerdì dopo cena

Negli ultimi due anni (causa restrizioni per pandemia) gli incontri sono stati effettuati solo in parrocchia

generalmente nel tardo pomeriggio.

Gli incontri sono guidate da un animatore o da una coppia , e seguendo lo schema proposto viene spiegata e

dibattuta la scheda oggetto di riflessione . L'incontro termina con le preghiera comunitaria

Ove le disposizioni diocesane per covid lo consentano verrà riproposto una liturgia della celebrazione della parola

nei locali della Chiesa, (preparata dagli animatori) che sviluppi in forma liturgica i i temi proposti dalla Diocesi. Al

termine si usa qualora i tempi liturgici lo consentano, invitare tutti ad un agape fraterna (La liturgia di solito ha luogo

dopo cena)

Al termine dell'anno catechistico si propone una convivenza pomeridiana e serale nella quale oltre ad una

celebrazione liturgica (vespri) alla quale partecipano tutti i componenti dei vari gruppi per una fraterna condivisione

del tema trattato.

 

GRUPPO GIOVANI