logo di San Bartolomeo in Tuto
mappa  di' la tua  faq  

torna alla corona

Il battesimo
Fino al IV secolo la Natività ed il Battesimo del Signore erano celebrati lo stesso giorno, il 6 gennaio, perché il Battesimo è, in un certo senso, il completamento della Natività. "Nella sua natività - dice San Girolamo - il Figlio di Dio venne al mondo in modo nascosto, nel Battesimo appare in modo manifesto". Prima Egli non era conosciuto dal popolo, con il Battesimo si rivela a tutti. Lo Spirito Santo accompagna la crescita naturale e progressiva del Cristo: "cresceva in sapienza, età e grazia" (Lc 2,52). Nel Battesimo i cieli si aprono e lo Spirito Santo discende su di Lui come una colomba. "E si sentì una voce dal cielo: Tu sei il mio Figlio prediletto, in te mi sono compiaciuto" (Mc 1,11). Cristo si rivela realmente Figlio nelle sue due nature "vero Dio e vero Uomo". Il Battesimo di Gesù è la sua Pentecoste personale, la discesa dello Spirito Santo e la manifestazione della SS. Trinità. Per questo la formula battesimale piena sarà: "Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo". Cristo con la sua mano destra benedice le acque e le prepara a divenire le acque del Battesimo per rigenerare l'uomo a vita nuova nel "Lavacrum" purificatore del sacramento. In un inno della festa ortodossa del Battesimo di Gesù, questi dice a Giovanni: "Profeta, vieni a battezzarmi... io ho fretta di far perire il nemico nascosto nelle acque, il principe delle tenebre, per liberare il mondo dalle sue reti donandogli la vita eterna" perciò Gesù entra nel Giordano, immagine della sua sepoltura. Infatti le acque non santificate che ricordano la morte - diluvio, sono chiamate "sepolcro fluido". San Giovanni Crisostomo commenta: "L'immersione e l'emersione sono immagine della discesa agli inferi e della Risurrezione". Giovanni Battista è vestito di pelli, segno del suo essere profeta e martire. E' il testimone della sottomissione del Cristo, della sua "kenosis". In lui tutta l'umanità riconosce l'amore divino per noi. L'albero con la scure è immagine del ministero profetico di chiamata a conversione che il Battista annuncia; è il compimento della parola evangelica: "Già la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco" (Mt 3,1). Gli angeli sono i diaconi nel servizio liturgico del Battesimo, pronti per asciugare e rivestire il battezzato. Per questo hanno nelle loro mani i vestiti di Cristo.

SCARICA QUESTA IMMAGINE AD ALTA RISOLUZIONE (clicca col tasto destro del mouse e seleziona: "salva link con nome")